sabato 3 febbraio 2018

I cartoni animati fantasy che hanno segnato il nostro immaginario. Dite la vostra!

Buon sabato ragazz*!
Ahhhh (sospiro di sollievo), finalmente torno a scrivere dopo quasi un mese: lavoro, impegni, stress... Tutte cose che in questo momento mi piace dimenticare, qui seduto sul mio divano con accanto mia moglie, l'amore della mia vita, e i nostri due gattoni: questa è la vera vita!

Quello che invece mi piace ricordare sono i cartoni animati fantasy che mi hanno, ma credo proprio ci hanno, segnato nell'immaginario fantasy che come un bagaglio pieno di meraviglie ci accompagnano nelle nostre vite e, in qualche modo, influenzano consapevolmente o meno i nostri scritti, i nostri gusti, le nostre letture.
Siete d'accordo?

Tempo di lettura 15 minuti

3 POSTO
In un'immaginaria classifica, io metterei al terzo posto del podio "Mystic Knights of Tir Na Nog" ovvero, nell'edizione italiana "Mystic Knights: quattro cavalieri nelle leggenda". 

Non si tratta di un cartone animato, è vero, però lo davano il pomeriggio assieme ai cartoni animati... Quindi...

Correva l'anno 1998 e la trama tratta di magia, intrighi e misteri in una serie epica antica ambientata nei suggestivi paesaggi irlandesi
"Molto tempo fa, lontano dagli oceani su un'isola mistica, visse la regina Maeve di Temra. Maeve voleva governare la terra della sua nascita, il pacifico regno di Kells. Quindi chiamò la fata oscura Mider, che le diede la mistica Pietra delle Rune che permise a Maeve di usare la stregoneria, il più delle volte per evocare creature mistiche e pericolose come orchi e giganti malvagi, che inviò per distruggere Kells. 
Il Re Conchobar di Kells sentì parlare del piano malvagio di Maeve e cercò un modo per proteggere il suo regno e il suo popolo. 
Rohan, un apprendista di druidi, scoprì un'antica pergamena che narrava di un guerriero leggendario chiamato Draganta che avrebbe salvato quel regno. Dato che la voglia di Rohan corrispondeva a un segno prominente sulla pergamena, il re mandò Rohan alla ricerca di Draganta, con il suo amico il ladro riformato Angus.
Ai due si unirono il principe straniero Ivar e dalla figlia del re, la principessa Deirdre, che li seguì. 
Raggiunsero il regno di Tir Na Nóg, governato dal re delle fate, Fin Varra, che sottopose il gruppo a vari test per determinare la loro dignità, che alla fine passarono. 

Fin Varra diede loro un'altro pezzo dell'antica pergamena e armi mistiche che danno il controllo degli elementi della natura: Fuoco, Aria, Terra e Acqua. 

I quattro giovani guerrieri combatterono contro le quattro Sentinelle di Temra, che proteggevano le armature elementali e sconfiggendole si guadagnarono il titolo Mystic Knights (Rohan divenne il Mystic Knight del fuoco, Angus della terra, Ivar dell'acqua e Deirdre dell'aria)".

Tra gli altri personaggi ricorrenti: la terribile e infida Regina Maeve (Charlotte Bradley) del Regno di Temra, Re Conchobar (Stephen Brennan) e Cathbad (Barry Cassin). Haim Saban 
è il produttore esecutivo.
Storie sicuramente avvincenti, belle idee ma... la realizzazione poteva essere maggiormente curata soprattutto nei costumi, nelle ambientazioni e nelle atmosfere.

2 POSTO
Al secondo posto: "I cavalieri del Drago", anno 1990, trasmesso dalla mitica JuniorTV.
Di origine giapponese, si tratta di uno shōnen manga di genere fantasy ispirato alla celebre saga videoludica "Dragon Quest" e ambientato nello stesso universo narrativo. 

La serie narra le avventure di Tom, figlio del Cavaliere del Drago Baron e della principessa Diana. 

Naufragato quando era ancora in fasce sull'isola di Dermlin viene trovato, allevato ed educato da Ubaldo o "nonno" per Tom, ossia un saggio ed anziano mostro capace di usare molte magie e che fa da patriarca dell'isola.

Tom cresce libero e spensierato e sogna il mito del Prode Guerriero, di cui il nonno gli racconta sempre, ossia colui che sconfiggendo il demone malvagio a capo dell'esercito di mostri che assalì l'umanità anni prima, provocando una sanguinosa guerra, non solo portò la pace nel mondo degli uomini ma donò una vita pacifica anche ai mostri facendo in modo che molti di loro si trasferissero a vivere proprio su quest'isola deserta per evitare ulteriori scontri con gli umani che ormai diffidavano di loro. Neanche a dirlo, Tom vuole diventare un Prode Guerriero.

La storia vera e propria inizia con i regni di tutto il mondo che vengono attaccati dall'esercito demoniaco nuovamente tornato a scatenare la guerra contro l'umanità. 
Dopo una serie moooolto ma mooolto lunga e complessa di vicissitudini, incontri e scontri, Tom dovrà partire per la sua grande avventura al fine di combattere e annientare l'esercito malvagio e il suo comandate, il Demone Hadler, per riportare la pace nel mondo. 
A Tom si unirà Daniel, un apprendista mago di 14 anni, simpatico ma assai fifone, e Mara una guerriera chierica di cui Daniel prontamente s'innamora perdutamente.
Poi tocca a Drakon, il mio personaggio preferito, detto il Re delle Bestie Feroci, che inizialmente è un nemico del gruppo, rivestendo il ruolo di  Comandante di uno dei sei corpi d'armata in cui è suddiviso l'esercito demoniaco, ma dopo un paio di scontri coi nostri resta profondamente colpito e ammirato dalle loro qualità morali, in particolare di Daniel, che fino a quel momento era stato fifone e rifuggiva le battaglie ma proprio contro di lui riesce a trovare un coraggio, una forza d'animo e uno spirito di sacrificio inaspettati, e dunque ripudia le sue azioni malvagie, giura di fare ammenda dei suoi errori e passa dalla parte dei prodi. 

Ai nostri eroi si uniranno Nemesis, Signore dell'Immortalità: analogamente a quanto accaduto a Drakon, anche lui dopo un paio di scontro coi nostri finisce per riconoscerne il valore ed abbracciarne la causa; Leona, molto abile nell'uso delle magie curative; il topo karateka Chiu, buffo personaggio ma di grande carisma; Baran, il Cavaliere del Drago originale e padre di Dai, da prima anch'egli terribile nemico comandante del corpo d'armata dei draghi poi, come da canovaccio che si ripete per la terza volta, si converte e si decide a combattere lui al fianco del figlio... Via via, inoltre, un lungo elenco di personaggi minori che compongono una costellazione di alleati.

Tra le flla dei malvagi citiamo invece lo stregone e alchimista Zorax, comandante del corpo d'armata degli stregoni e druidi; Raven, un mostro con metà corpo di ghiaccio e metà di fiamma creato dallo stesso Hadler; Elios, essere oscuro e inquietante che nonostante sia solo un comandante di corpo d'armata (il corpo degli spiriti oscuri, fantasmi, ombre, armature animate....), sembra però possedere delle capacità che vanno molto oltre quelle di tutti gli altri, Hadler compreso, ed essere strettamente legato al grande Satana in persona e custodirne i segreti; infine il sicario personale del grande Satana, Daymon detto "La Morte", che non è a capo di nessun corpo d'armata ma si occupa solo di eliminare direttamente qualunque figura Satana gli ordini Daymon) detto "La Morte".

Tutti questi personaggi a uno a uno sveleranno i loro segreti e le loro capacità e in un crescendo di scontri sempre più avvincenti e drammatici si arriverà ad un'epica battaglia finale, davvero epocale, tra il bene e il male, dove ci si gioca il destino del mondo intero. 
Alla fine forse il bene trionferà ma.... A quale prezzo? A quanti dei compagni d'avventura a cui ci si è fortemente affezionati si dovrà dire addio?

La piazza d'onore è meritata: scontri epici al limite della pelle d'oca, grandissimo mix di spada, acciaio e magia con scontri sempre sul filo del rasoio... Ma quanto casino nelle trama!

1 POSTO
Al primo posto, indiscusso vincitore di questa mia personalissima classifica... Rullo di tamburi... "Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo per Rina!".
Trasmesso in Italia, ovviamente pesantemente censurato (si veda sotto Naga, prosperosa maga amica-nemica di Rina) di scene simil osè, dal 1997 ma uscito nel resto del mondo due anni prima, non censurato, soprattutto in giappone.

Rina è una maga che pratica magia nera e che incontra, dopo aver rapinato una banda di ladri come al suo solito, Guido, che si offre come guardia del corpo per la ragazza che gli appare gracile e indifesa. Da allora i due non si separeranno più. Pochi giorni dopo dei misteriosi personaggi si interessano a ciò che la ragazza aveva rubato in precedenza, e fra di essi vi è lo sciamano Zelgadis che, al contrario di Rina, pratica la magia bianca.
Zelgadis,  una volta umano ma ormai trasformato completamente in pietra, cercherà in tutti i modi di ottenere un oggetto: inizialmente cercando di comprare tutta la refurtiva, poi usando la forza. 
Intanto Rina scopre che l'oggetto stregato è una piccola statua di oricalco, e più volte in pericolo verrà salvata anche dal suo compagno Guido possessore della spada di luce.

Protagonista assoluta, quindi, è la giovane maga Rina Inverse. 
Questa viene sempre affiancata da Guido, aitante ma imbranato spadaccino; lo sciamano Zelgadis Greywords, dapprima avversario ed in seguito alleato di Rina; Amelia Wil Tesla Saillune, una principessa che si unirà a Rina nelle sue avventure e, negli OAV l'amica/rivale Naga the White Serpent, prosperosa quanto arrogante maga.

Ciò che rende questo cartone il vincitore di questa classifica sono l'ambientazione fortemente medievale e fantasy, talmente ben curata ed epica da poter essere utilizzata da un Master di D&d per una campagna.

I personaggi sono sviluppati in maniera approfondita e diversificata non solo nei caratteri ama che nelle capacità combattive e magiche.
Il nemico è potente e spaventoso e, soprattutto, Rina non è il classico eroe tutto d'un pezzo senza macchia bensì una stregona che utilizza la magia nera e il cui obiettivo e farla franca sempre e comunque.

Condividete la mia classifica?
Non siate timidi e dite la vostra qui sul blog o su facebook!

Zaffo